Associazione Polaris Roma

+39 349 2226898 ass.polaris@gmail.com

Escursione di una giornata – L’Abbazia di Montecassino e l’antica città romana di Casinum

Map Unavailable

Data / Ora
Date(s) - 17/11/2019
12:00 am - 7:00 pm

Luogo
Piazzale Ostiense (lato palazzo Acea)

Categorie


Incontro dei partecipanti ore 8.00 Piazzale Ostiense – Lato Palazzo Acea e partenza alla volta di Cassino. Arrivo e visita guidata all’area archeologica dell’antica Casinum, che comprende alcuni notevoli monumenti della città romana. Si conservano resti del tracciato viario antico, da identificare con il tratto urbano della via Latina, prolungata sino a Casinum in occasione dell’acquisizione della città ai domini di Roma. Di grande interesse risultano l’anfiteatro, in parte appoggiato al pendio del colle, risalente probabilmente ai decenni di passaggio fra il I sec. a.C. e il I d.C., sebbene una testimonianza epigrafica attribuisca la costruzione alla matrona cassinate Ummidia Quadratilla (28-107 d.C. ca.). Allo stesso personaggio la tradizione ascrive anche il monumentale sepolcro certamente destinato, in considerazione dell’ubicazione, ad un personaggio benemerito. Presso il teatro si è messa in luce la magnifica pertinenza di una ricca domus: il cosiddetto Ninfeo Ponari, che conserva tracce delle decorazioni parietali e pavimentali. Il percorso di visita terminerà al museo, dove sono esposti reperti provenienti dalla città e da ritrovamenti nelle necropoli romane sulla via Pedemontana. Di notevole pregio il letto funerario in osso recuperato nel corso di recenti scavi nella necropoli della vicina Aquinum. Pranzo in ristorante tipico. Nel pomeriggio visita dell’Abbazia di Montecassino che può essere definita come la culla del monachesimo occidentale. Venne fondata nel 529 da San Benedetto da Norcia, su una zona dove in tempi passati sorgeva un’antica torre e un tempio dedicato ad Apollo. Nel corso della sua storia, l’Abbazia ha subito numerose vicende fatte di distruzioni, saccheggi, terremoti e successive ricostruzioni. Fu proprio San Benedetto a scegliere questo luogo per costruire un monastero che avrebbe ospitato lui e i monaci che lo seguivano da Subiaco. Distrutta e saccheggiata nel corso dei secoli e sempre ricostruita, subì, durante le ultime fasi della Seconda Guerra Mondiale, un potente attacco delle forze alleate. Quasi nulla rimase intatto da quel bombardamento aereo ma come per miracolo solo la statua di San Benedetto uscì indenne, rimanendo in piedi fino alla fine. Rientro previsto ore 19.00.

Bookings

Le prenotazioni sono chiuse per questo evento.